News

Invia un commento o segnalazione per questa pagina.
Cerca nel sito
 
Cartoline
Gratis
Eventi
Notizie    RSS
Comuni
Parchi
Musei - Mostre
Link
Foto Viso
Nuove Foto
Fotografie
Guestbook
Rifugi
Geologia
Salva schermo
Ricettario    RSS
Giochi
Home page
Login


 
 & pagina web pubblicata il: 23/05/2003 nella categoria: Varie da: InGranda

 
MARILÙ E IL PASSERO

    Racconto per bambini

 MARILÙ E IL PASSERO
Racconto per bambini di Anna Pollano

Dalla finestra ampia e luminosa Maril¨ vedeva i tre maestosi pini del parco e sentiva il cinguettio incessante dei merli e dei passeri che si affannavano a volare di ramo in ramo nel folto del verde tra nidi e pigne ancora acerbe per la stagione.

Un passero vol˛ timidamente sul davanzale esterno e con la testina ricurva guardava curioso l’interno della stanza. Maril¨ stette immobile e solo con lo sguardo spaziava tra le sue piume cangianti cercando di capire il significato di quell’incontro ravvicinato.

All’improvviso sentý una voce stridula e, incredula, vide che proveniva da quel becco impertinente che continuava insistentemente a stare lý, su quel davanzale e raccontava di una storia incredibile che gli era capitata quel giorno:

"Ero un bambino come tanti altri, stavo giocando nel cortile della mia casa, la mamma mi aveva preparato per la scuola e stavo aspettando l’arrivo dello scuolabus; guardai il cielo e all’improvviso mi sentii trasportare in alto e diventai piccolo piccolo, le mani si trasformarono in piume, le gambe in zampe e la mia bocca divent˛ questo becco che tu vedi.

Volavo ad alta quota tra le nuvole rosa e luminose della primavera. Il volo era entusiasmante e non avevo mai provato tante emozioni.

Ora per˛ sono qui, non so dove si trova la mia casa, la mia mamma, i miei amici e i miei giochi, aiutami per favore".

Maril¨ si stropicci˛ gli occhi e scroll˛ la testa per convincersi che non stava sognando poi guard˛ ancora dalla finestra e l’uccellino era sempre lý e il vento gli scompigliava le piume.

Maril¨ ritorn˛ ai suoi giochi, in fondo non avrebbe voluto occuparsi di questa strana storia, chi l’avrebbe creduta?

Il cuore le batteva forte e tutta lei stessa era in subbuglio. Non poteva ignorare quella vocina implorante, non poteva fingere che nulla fosse successo.

 

Ritorn˛ alla finestra scrut˛ oltre i vetri, tra gli alberi, nel cielo e in tutto il parco ma non vide pi¨ il suo nuovo amico, forse era volato in cerca d’altro aiuto, forse era caduto, forse aveva perso la speranza, forse...

Quanti pensieri nella piccola mente della bimba!

Scese in giardino e con il naso all’ins¨ prov˛ a guardare meglio: c’erano tanti uccellini e tutti cinguettavano volando vicino e lontano, nel parco e oltre.

Prov˛ a chiamare il suo passero, prov˛ a parlare con uccellini temerari che si erano avvicinati a lei, ma nessuno rispondeva.

La nonna che badava a Maril¨ quando mamma non c’era, la vide e si preoccup˛ per quel suo comportamento strano, pens˛ che avesse la febbre e la ricondusse subito a casa cercando di calmarla e di farla ragionare perchÚ i grandi non accettano quasi mai le cose un pò strane perchÚ di esse hanno paura.

Maril¨ raccont˛ tutto alla nonna che, sempre pi¨ stupita, chiam˛ il dottore e la mise a letto rimboccandole con molta premura la coperta con i cuoricini rosa.

Il dottore diagnostic˛ solo un attacco acuto di fantasia, tipico dei bambini a quell’etÓ e se ne and˛ sorridendo.

Maril¨ chiuse gli occhi e pianse ma tra i singhiozzi, risentý la voce stridula. Corse alla finestra e l’uccellino era ancora li, era pi¨ sconsolato di prima e pi¨ che mai voleva il suo aiuto.

Maril¨ socchiuse i vetri e parl˛ fitto fitto con quell’essere tanto strano e poi ...... chiuse la finestra, si adagi˛ sul letto, chiuse gli occhi e improvvisamente......... si risvegli˛.

Era stato un lungo sogno, un sogno insolito e strano.

ChissÓ, forse, in qualche parco del mondo, esiste davvero un uccellino con tanto bisogno d’aiuto. Forse, a volte, anche i sogni possono essere veri e la realtÓ pu˛ trasformarsi in un incredibile sogno.

Questa pagina Ŕ stata visitata: 1420 volte.

 NOTIZIE

Home
Categorie
Ultime
Editori


Formato stampa
Invia per posta


Ricerca